Valute / Cambio

A+ A A-

Perché al mercato serve una corretta informazione sull'olio extravergine di oliva

Vota questo articolo
(0 Voti)

Imparare a utilizzare un linguaggio preciso, efficace, adeguato e moderno per raccontare un prodotto antico e prezioso come l’olio extravergine d’oliva.

È l’obiettivo dell’evento ‘I linguaggi dell’extravergine’, organizzato dall’Associazione Culturale Passione Extravergine e giunto alla seconda edizione, in programma venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio: tre giorni di lavoro dedicati a quanti vogliono costruire un percorso per diventare divulgatori di contenuti culturali legati all'extravergine oppure semplicemente migliorare le proprie competenze in materia.

Quali sono i contenuti tecnici che il consumatore dovrebbe conoscere? Quali sono i linguaggi e i contenuti più adatti per comunicare con i bambini, con i medici, con il personale della ristorazione, con chi fa la spesa? Queste sono le domande alle quali si cercherà di dare una risposta con esperti del settore, attraverso approfondimenti mirati, momenti pratici di laboratorio e co-progettazione in gruppi, secondo il metodo ‘open space technology’ e momenti di team building come una cena sociale, con l’obiettivo di trovare punti di forza e opportunità per aprire nuovi possibili scenari di rete e cooperazione.

Gli assaggiatori che si formano nei corsi abilitanti, nella maggioranza dei casi, difettano di competenze linguistiche, semiotiche, relazionali, metodologiche, che permettano loro di elaborare una comunicazione culturale ricca ed efficace con il consumatore, che si tratti di chef, di chi fa la spesa, di bambini, di educatori, di medici, etc.

Il risultato è che, nell'area della cultura dell'olio extravergine di oliva, prevale una comunicazione frammentata, approssimata, e spesso caratterizzata da moltissime inesattezze, ma anche da errori rilevanti che, specie se commessi da personaggi autorevoli, vanificano il lavoro di anni nella direzione dell'informazione divulgativa corretta e accessibile a tutti e, soprattutto, danneggiano la percezione del prodotto sui mercati e tra i consumatori, con gravi danni all’economia del territorio.

"La scelta di Giovinazzo non è casuale – racconta Elisabetta De Blasi, presidente di Passione Extravergine – È un comune molto particolare, dove la produzione di olio è centrale e in questi ultimi anni ha saputo far emergere delle eccellenze notevoli, che si sono distinte nel panorama nazionale, vincendo i più importanti premi della Penisola. Se da un lato cresce la generazione dei frantoiani e produttori che vogliono mettere in bottiglia extravergini di qualità, d'altra parte una gran quantità di produttori olivicoli hanno deciso, negli stessi anni, di vendere la materia prima ad altre regioni che si arricchiscono del nostro buon lavoro. È un territorio simbolo di due fenomeni che esprimono bene le spinte centripete del territorio. Qui e non altrove, vogliamo far vedere che sull'olio non è già stato detto tutto. Proprio per questo i banchi di assaggio dei produttori di venerdì 11 maggio dalle 10.30 alle 11.30 saranno aperti alla cittadinanza.

Anche quest'anno lavoreremo su educare all'extravergine (in contesti didattici), formare all'extravergine (in particolare formare i formatori), informare sull'extravergine (in una modalità non pubblicitaria). Questi tre filoni di riflessione collettiva ed autoformazione, possibile grazie alla tecnica OST, verrà arricchita dagli approfondimenti che verteranno su claim salutistici, differenze di strutturazione del linguaggio, medici e olio, e strumenti per la didattica del cibo. Molti i momenti di creazione del gruppo che ci auguriamo alla fine della tre giorni, getti il seme di una rete nazionale aperta alla riflessione su questi temi, sviluppabili anche in altri territori. Ci tengo a dire - conclude De Blasi - che questo evento è anche possibile grazie alla partecipazione volontaria e diretta dei soci produttori che collaborano in una logica di condivisione".

 

Partner del progetto: il Centro di ricerca Uniba sull’olivo, l’olio e le olive da mensa dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, il GAL Fior d'Olivo, il progetto ARISTOIL e il CIRPAS (Centro Interuniversitario di Ricerca 'Popolazione Ambiente Salute') e la rivista online di agricoltura e ambiente Teatro Naturale.

Patrocinio del Comune di Giovinazzo.

In particolare, durante l’evento sarà presente un angolo dedicato al progetto europeo ARISTOIL, che coinvolge le Università di Atene, Spalato e Cordoba ed esperti siciliani del settore olivicolo ed è finalizzato al rafforzamento della competitività del settore olivicolo del Mediterraneo, attraverso lo sviluppo e l'applicazione di metodologie di controllo di qualità innovativi, che portino alla produzione di un olio ​extravergine ​di oliva con maggiori proprietà nutraceutiche (ossia con maggiori percentuali di polifenoli, come riconosciuto dal reg. UE 432/2012) e quindi con effetti benefici per la salute dell’uomo.  I risultati delle analisi effettuate confluiranno all’interno di Linee Guida rivolte ai produttori partecipanti, per fornire tutte le informazioni ed indicazioni (gestione del suolo​, potatura​,​ raccolta​,​ trasformazione​,​ molitura​,​ imbottigliamento) per migliorare il contenuto dei polifenoli nell’olio e le modalità per aderire alla certificazione europea “health claim” e poter aprire nuovi mercati di vendita del prodotto come “farmalimento” o “pharma food”.

 

Il progetto ARISTOIL ha una durata triennale, pertanto le aziende avranno l’opportunità di far parte di un network europeo che organizzerà giornate informative, corsi di formazione e aggiornamento, seminari tematici e partecipazione a fiere, per consolidare una base di produttori di olio d’oliva dell’area mediterranea.

Per informazioni, consultare il sito www.ilinguaggidellextravergine.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Visit the best review site bbetting.co.uk for Bet365 site.

 

         

 

Redazione e amministrazione: Via del Gladioli, 6 - 70026 - Modugno/Bari • Tel. 080.5375408 • redazione@impresametropolitana.it Tribunale di Bari, Num. R.G. 2482/2013 del 23/09/2013